In questa guida spieghiamo come cucinare il riso con la vaporiera.

Cucinare il riso con la vaporiera è un metodo sempre più diffuso, sia per la velocità dei tempi di cottura che che per la varietà di pietanze che si possono preparare con questo pratico e comodo accessorio. Visto che il consumo di riso è piuttosto alto e che questo alimento si trova sulle tavole sotto forma di antipasti, primi e contorni, la presenza di un apparecchio che ne permette la cottura in maniera semplice e veloce era davvero necessaria. Inoltre, la varietà dei tipi di riso disponibili spesso ha condizionato l’utilizzo del recipiente dove porlo per cuocerlo. Con la vaporiera tutto diventa facile. Con la vaporiera il riso non viene bollito ma cotto al vapore, con la differenza sostanziale che, rispetto al primo procedimento, non si disperdono le proprietà e il riso è ancora più gustoso e saporito. La vaporiera elettrica è dunque la soluzione migliore per cucinare il riso in modo semplice e basta seguire alcuni piccoli accorgimenti per ottenere risultati davvero eccellenti.

Tefal VS4003

Scegliere la Vaporiera per Cuocere il Riso

Prima di acquistare la vaporiera, è sempre importante verificare che il modello in questione abbia tra gli accessori un contenitore apposito per il riso. In questo modo sarà possibile evitare di spendere altri soldi per munirsi di accessori aggiuntivi in un secondo momento.

Se la vaporiera acquistata non include un recipiente idoneo, si può comunque cuocere il riso in un altro contenitore in plastica per alimenti. Basterà dunque inserire il contenitore con il riso, l’acqua e gli altri ingredienti nel cestello della vaporiera e chiudere il coperchio. Quanto alle quantità corrette, se non vi sono istruzioni, è consigliabile aggiungere una doppia quantità di acqua al riso. I tempi di cottura ovviamente cambiano a seconda della tipologia di riso che si intende cucinare. Per una cottura perfetta, è bene comunque aggiungere 10 minuti in più rispetto al tempo indicato nella confezione del prodotto.

Come Cuocere il Riso

Se si desidera gustare un piatto di riso cotto in vaporiera, prima di tutto è giusto sciacquare i chicchi sotto l’acqua corrente, o lasciare il riso in ammollo e mescolarlo di tanto in tanto, per eliminare tutto l’amido in eccesso che, con la cottura in pentola, viene tolto durante l’ebollizione. Il passaggio è fondamentale affinché la consistenza di questo cibo sia ottimale. Rispetto alla classica cottura, il riso viene bollito in una pentola a fuoco medio e in acqua salata, nella vaporiera non vi è immersione in acqua o brodo.

Ecco dunque i passaggi. Mettere acqua nella vaporiera ed un cestello, inserire nella vaschetta acqua, riso e sale fino secondo le proporzioni corrette, 100 ml d’acqua ogni 100 g di riso ed un pizzico di sale, ed avviare la cottura programmando la vaporiera. Risulta essere importante ricordare di chiudere correttamente il coperchio in quanto il riso è sensibile alla dispersione di calore. Per un sapore più ricco, l’acqua della vaschetta del riso può vedere l’aggiunta di alcune gocce di vino bianco, essere sostituita da brodo e arricchita da condimenti vari come spezie ed erbe aromatiche. In ogni caso, è importante fare delle prove per raggiungere con il tempo il migliore rapporto tra brodo e riso, salatura compresa.

Risulta essere importante poi ricordarsi di mescolare il riso a metà cottura. Alla fine, i chicchi dovranno aver assorbito tutta l’acqua ad una temperatura che non supererà mai 100 gradi, risultare croccanti e dalla consistenza perfetta per qualsiasi tipo di preparazione.

Vantaggi della Cottura a Vapore del Riso

La cottura a vapore permette al riso di mantenere inalterate quasi tutte le sue proprietà nutrizionali apportando vitamine e sali minerali. Nel dettaglio, il riso è una grande fonte di zinco e manganese oltre che di potassio, fosforo, ferro e calcio. Il riso, inoltre, contiene molte vitamine del gruppo B ovvero vitamina B1, B3, B5 e B6. Ancora, cuocendo il riso con la vaporiera si ha la certezza di non ingerire sostanze tossiche dato che questo metodo di cottura rispetta al 100% la natura di ogni cibo. Infine, non vi è la necessità di aggiungere olio o grassi. Non a caso, il riso cotto al vapore è semplice da digerire e consigliato a chi sta seguendo una dieta dimagrante o ha bisogno di un’alimentazione ricostituente. Infine, questa cottura del riso permette di salvare le vitamine termolabili che di solito vengono distrutte alle alte temperature ma che in realtà sono fondamentali per l’organismo.

Cuocere il riso con la vaporiera è quindi molto semplice.